Vacanze a Lisbona Travel

Desideravamo visitare Lisbona da diverso tempo. Negli ultimi anni, la capitale portoghese ha avuto il pregio di rinnovarsi anche grazie ad avvenimenti importanti che l’hanno fatta balzare agli onori della cronaca, dall’Expo 98 ai Campionati Europei di Calcio, sino ai recenti MTV Music Awards.

La città è diventata ancor più attraente e sofisticata pur non perdendo le sue caratteristiche di sempre: la malinconica musica del Fado, il gusto antico degli azulejos, le parole dolci di Fernando Pessoa e gli stretti vicoli dell’Alfama. Viverla nel periodo delle feste natalizie le dona un aspetto scintillante, diverso dai tramonti estivi, ma incredibilmente suggestivo. A farci da cicerone appena arrivati in città, è stato il nostro caro amico Henrique, che, posati i bagagli in un appartamento centralissimo trovato grazie a Airb&b, ci ha portati in uno dei ristoranti alla moda della capitale portoghese: Bica di Sapato nella zona di Alfama. Sapori tradizionali e prezzi più che abbordabili in un’ambientazione minimal fatta di contrasti tra vetri alti e banconi di legno. Non ancora stanchi del viaggio ci siamo concessi un drink nel vicino locale Fragil Lux, un night un po’ dark dove se vuoi incontrare un po’ di gente devi presentarti dopo l’una di notte!

Una giornata di vacanza deve iniziare coccolandosi con una ricca colazione: consigliamo, tra le tante pasticcerie locali, la Confeitaria Nacional, in piazza Figueira, un luogo che regala emozioni al palato ma anche alla vista, grazie ai suoi decori stile liberty.

Un tour che si rispetti non puó prescindere dal viaggio sul bellissimo electrico 28, il tram che taglia in due la città da Martim Moniz sino a Campo de Ourique. Fermate obbligatorie al Castello di San Jorge, alla Cattedrale e al Panteon. Il percorso si snoda in un emozionante saliscendi tra curve e stradine nei vecchi quartieri popolari: un’esperienza di grande fascino che si può estendere a un altro eletrico, il 15, che porta dalla centralissima piazza Figueira sino oltre il quartiere periferico di Belém, famoso per i monumenti rappresentativi come la torre scampata al terremoto del 1755 o il Padrão dos Descobrimentos, che celebra la grandezza del Paese. Regalatevi una passeggiata lungo la riva del fiume Tago, concedendovi una sosta in uno dei bistrot più famosi della città: Pasteis de Belém.

Vivace come pochi, il quartiere del Bairro Alto è il luogo ideale per aperitivi e serate musicali: il nostro amico Christophe, architetto francese, trasferitosi a Lisbona per lavoro, ci ha invitati a bere qualcosa al Decadente, un albergo/ristorante dal design curato e dal personale attento.

Ma se volete mangiare qualcosa di veramente tradizionale annotate i nomi di questi due posti: Fabrica Nacional nella rinomata Piazza del Commercio, dove assaggiare i tipici Pastel de bacala e Cantina das Feiras, ex convento nel cuore della città, dove signore portoghesi offrono la loro cucina casalinga a prezzi stracciati con una simpatica formula da refettorio d’altri tempi!

Se avete un giorno in più, prendete il treno e visitate il villaggio di Sintra. Il Palacio Nacional de Pena vi incanterà, così come i viottoli ricchi di negozietti sfiziosi e locande profumate. Il luogo ideale per scegliere souvenir, benché il regalo più indicato da portare ad amici e parenti, secondo il nostro parere, sono le scatolette di sardine, tonno e conserve varie, facilmente reperibili in città, dalle confezioni colorate, retrò e super economiche!


Visit Lisbon was our purpose cause in recent years it has had the merit of become even more attractive and sophisticated without losing its characteristics as always: the melancholic Fado music, the taste of old azulejos, the sweet words of Fernando Pessoa and the narrow streets of the Alfama. Live the city in the Christmas period gives it a sparkling look, different from the summer sunsets, but also incredibly fascinating. Our guide, just arrived in the city, was our dear friend Henrique, who, left our bags in a central apartment found through Airb & b, led us in one of the trendy restaurants of the Portuguese capital: Bica de Sapato area. Not yet tired of the trip, we went to the nearby local Fragil Lux, a place a bit ‘dark where if you want to meet a lot’ of people go after 1 in the morning!

A vacation day must start with a hearty breakfast: recommend, among many local bakeries, the Confeitaria Nacional in Figueira Square, a place that gives emotions to the palate but also the sight, with its Art Nouveau decor.

You can’t miss the trip on the beautiful Electric tram 28. Obligatory stops at the San Jorge Castle, the Cathedral and the Pantheon. An experience of great charm that can be extended to another electric, 15, which leads from the central Figueira square up over the suburb of Belém, famous for representative monuments like the tower or Padrão dos Descobrimentos which celebrates the greatness of the country. Treat yourself to a walk along the the river Tago and take a break in one of the most popular bistro, Pasteis de Belém.

The district of Bairro Alto is the ideal place for cocktails and musical evenings: our friend Christophe, French architect, moved to Lisbon for business, invited us for a drink to Decline, a well-designed hotel / restaurant,.

But if you want to eat something really traditional write down the names of these two places: Fabrica Nacional in the famous Commerce Square, where you can taste the typical Pastel de bacala and Cantina das Feiras, a former convent in the heart of the city, where the Portuguese ladies offer their cuisine.

If you have an extra day, take the train and visit the village of Sintra. The Palacio Nacional de Pena will enchant you, as well as the lanes full of small shops and delicious inns. The perfect place to choose souvenirs, although the most appropriate gift to bring to friends and relatives, in our opinion, are the cans of sardines, tuna and various preserves, readily available in the city and super cheap!

1415

ok

Bica de Sapato

Confeitaria Nacional

Confeitaria Nacional

6

 

4

Rua Augusta

Cattedrale

Cattedrale

16

7

La Torre di Belén

Pasteis de Belém

Pasteis de Belém

19

Decadente al Bairro Alto

Decadente al Bairro Alto

11

Castello di Sintra

10

Sintra

Il Castello di Lisbona

Il Castello di Lisbona

12A Vida Portuguesa17

Fabrica Nacional

Fabrica Nacional

2223


Comments

  1. Lisbona é bella in tutte le stagioni… E per molti versi somiglia a Napoli!

  2. Io ci sono stato quando ancora non era di moda, ma dalle vostre foto mi sa che devo programmare un nuovo viaggio

  3. Il vostro reportage è davvero meraviglioso! Avete un occhio nel reperire gli angoli più cool di tutte le città!

  4. Il baccalà che si mangia a Lisbona è troppo buono: una vera istituzione. Solo a vedere le crocchette di patate con le quali viene impastato mi viene l’acquolina

  5. Ho fatto colazione anche io alla Confeitara Nacional: solo non mi ricordo il nome di quei dolcetti tondi buonissimi…

  6. Che bei colori! E voi sempre con il sorriso ?

  7. Sere.nella Says: dicembre 14, 2015 at 9:19 pm

    Lisbona mi incuriosisce troppo!

  8. Ho preso nota del Buca de Sapato… Ma nel refettorio possono entrare anche turisti?

  9. Da A vista Portuguesa ho comprato un sacco di souvenir: a mio parere è il negozio più carino in città e super caratteristico!

  10. Franco Zanali Says: dicembre 14, 2015 at 9:28 pm

    A Bairro Alto alcune sere c’è un casino incredibile, ma la musica non manca mai

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *