Homeating: social dinner in case private People

Durante lo shooting realizzato nello studio Keller, l’architetto Antonio Martiniello ci ha raccontato della sua nuova avventura con Homeating, destando subito la nostra curiosità. La sua casa è infatti tra le location scelte dal team – formato esclusivamente da donne – che ha dato vita a un format innovativo quanto semplice: social dinner all’interno di case d’autore. Andando sul sito homeating.com si può prenotare una cena proprio come si farebbe con una B&B selezionando data, luogo e prezzo. La differenza è che non si mangia in un ristorante, ma all’interno di abitazioni private. Alla base dell’idea c’è la voglia di ritrovare i valori della convivialità e della conoscenza coadiuvati dalla bellezza dei luoghi, la creatività e savoir faire del padrone di casa. Una Napoli segreta ma nello stesso tempo accogliente e aperta alla sua vocazione cosmopolita: l’aspirazione è soprattutto coinvolgere, oltre agli abitanti della città, i circuiti turistici regalando un momento inconsueto e unico. Marcella Buccino ci ha invitati a una delle cene più numerose (fino a 40 coperti!), ma per questo particolarmente allegra, che si è tenuta in un luogo storico della città: Palazzo dello Spagnolo. La grande tavolata apparecchiata nella cucina di Viola Bufano ha subito creato un clima familiare e disinvolto che ha facilitato la conoscenza dei presenti e ricordato i pranzi delle feste: sicuramente un’esperienza che consigliamo a tutti! Per il mese di maggio, oltre a poter scegliere tra terrazzi con panorami mozzafiato, giardini suggestivi, salotti raffinati e atelier d’artista, ogni giovedì si potrà cenare a bordo di una barca ancorata al borgo marinari grazie alla partnership con Vela via con me  di Chiara d’Acunto. Una realtà più intima, per massimo dieci persone, con cena a base di pesce curata dalla cuoca Grazia Barlese e impreziosita dalle luci del golfo.

Palazzo dello Spagnolo

Palazzo dello Spagnolo

2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13

Borgo Marinari

Borgo Marinari

15 16 17 18 19 20


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *