Bon ton: cosa portare per un invito alla cena o al pranzo di Natale Decor

Con le feste di Natale aumentano le possibilità di essere invitati a party e cene, per cui bisogna sapere come comportarsi per essere un ospite perfetto!

Prima regola: MAI presentarsi a mani vuote. Anche se siamo invitati a casa di nostra sorella, collaboriamo prestandole la tovaglia più adatta o preparando segnaposto divertenti. Arrivare con un presente rende l’immediata sensazione di aver apprezzato l’invito, valorizzando la fatica che c’è dietro l’organizzazione.

I fiori sono sempre un omaggio gradito, ma anche in questo caso bisogna osservare piccoli dettami. Inviarli sempre in anticipo, così da dare il tempo a chi li riceve di sistemarli con cura e non ritrovarsi, al momento dell’arrivo dell’ospite, a fronteggiare ricerche di vasi scomparsi… Se il padrone di casa è un uomo, bisognerà pensare a una pianta, non fiorita.

Per quanto riguarda invece le pietanze, sono permesse soltanto se espressamente richieste, ancor meglio, se fatte a mano. Quando l’invito è meno confidenziale, opteremo invece per una scatola di cioccolatini o dolciumi confezionati, magari da servire al momento del caffè, senza presentarci con torte e dessert, giacché questi – come il galateo vuole – andrebbero aperti subito, e perché si presuppone siano già previsti. Altrettanto, non conoscendo il menu, meglio non azzardare con i vini: è preferibile scegliere un brut da aperitivo o qualcosa che accompagni il dessert, come uno champagne dolce o un liquore.

In alternativa, essendo Natale, si può pensare a un piccolo cadeau: non qualcosa di importante, anche per non mettere in difficoltà gli altri commensali, ma soprattutto pensato per chi lo riceve e curato nella confezione. Una decorazione, un libro, o, nel caso ci siano bambini, un dono dedicato a loro.

mmmmnbvdsasafdgfdza


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *